SEYF for inclusion

SEYF for inclusion

Questa favola dal Mondo è stata scelta ed elaborata da Aboudrahaman, volontario originario del Mali e residente in Italia, dopo una ricerca su risorse e biblioteche online e offline.

“ Favole dal mondo” è una iniziativa nata nell’ambito dell’attività Inclusion Point realizzata all’interno del progetto “People have the Power”.

Questa favola dal Mondo è stata scelta ed elaborata da Baldeh, volontario originario della Guinea Bissau e residente in Italia, dopo una ricerca su risorse e biblioteche online e offline.

 Favole dal mondo è una iniziativa nata nell’ambito dell’attività Inclusion Point realizzata all’interno del progetto “People have the Power”.

Questa favola dal Mondo è stata scelta ed elaborata da Benedict, volontario originario del Sierra Leone e residente in Italia, dopo una ricerca su risorse e biblioteche online e offline.

 Favole dal mondo è una iniziativa nata nell’ambito dell’attività Inclusion Point realizzata all’interno del progetto “People have the Power”.

Questa favola dal Mondo è stata scelta ed elaborata da Diallo, volontario originario del Guinea e residente in Italia, dopo una ricerca su risorse e biblioteche online e offline.

 Favole dal mondo è una iniziativa nata nell’ambito dell’attività Inclusion Point realizzata all’interno del progetto “People have the Power”.

Questa favola dal Mondo è stata scelta ed elaborata da Ebrima, volontario originario del Gambia e residente in Italia, dopo una ricerca su risorse e biblioteche online e offline.

 Favole dal mondo è una iniziativa nata nell’ambito dell’attività Inclusion Point realizzata all’interno del progetto “People have the Power”.

Il 20 luglio si celebra la ʿīd al-aḍḥā (Eid-Al-Adha) anche nota come Festa del Sacrificio, una delle più importanti feste della religione musulmana.

The journey that refugees take from their own country is a long and difficult one. Often resulting in permanent ailments and even death. However, with the only alternative being to remain in a hostile environment and risk death on their own doorstep, the fight or flight mode sets in. You must remember that I am no expert in this area and before three months ago I knew very little of the life of refugees, but having lived among them for some time I think it is important to share what I know and understand now.

Va bene… I am here in South Italy almost for 2 months, and all the time I’m trying so hard to understand the people speaking in Italian… sometimes it works, but sometimes it definitely doesn’t laughingahahaha. During these 2 months I understood that...

I have been in the South of Italy for two months now. My project involves the integration of 40 refugees from several places in Africa into Salento society. I understood that the work would be difficult from the beginning.

Page 1 of 2
We are using cookies to provide statistics that help us give you the best experience of our site. You can find out more or switch them off if you prefer.
By continuing to use the site without changing settings, you are agreeing to our use of cookies.
Yes, I accept